Come creare un utente Linux

Come saprai, Linux è un sistema operativo multiutente. Per poter accedere, in locale o da remoto, devi usare le credenziali di un utente già registrato nel sistema. In questo articolo ti farò veder come creare e modificare un utente su Linux.

Innanzitutto, devi sapere che solo l’utente root può aggiungere o rimuovere un utente o un gruppo dal sistema. Pertanto, se non sei root o un utente del gruppo sudo (per i sistemi operativi derivanti da Debian), non potrai eseguire queste operazioni.

Gli utenti registrati nel sistema come appartenenti al gruppo sudo sono particolari user, presenti soprattutto sui sistemi operativi Debian e i suoi derivati, che possono eseguire comandi riservati solo all’utente root facendoli precedere dal  comando sudo.

Di conseguenza, se non hai le credenziali come utente root su Linux o non sei utente del gruppo sudo, non puoi ne creare e ne tanto meno modificare un utente o un gruppo su Linux.

Un altra cosa importante da dire, è che, come saprai, a differenza dei sistemi operativi Windows, la maggior parte delle operazioni su Linux si eseguono da terminale. Quindi, anche se tutti gli ambienti grafici hanno interfacce per la gestione gli utenti, il modo migliore e più efficace per aggiungere, rimuovere e modificare utenti su Linux è usare linea di comando.

Impariamo ora i comandi Linux che si occupano della gestione degli utenti.

Contenuti:

Come usare useradd per creare un utente su Linux

Il comando da usare per aggiungere un utente ad un sistema operativo Linux è useradd. Vediamo come va usato e il risultato del suo utilizzo.

Per creare un utente ti basterà digitare da terminale:

$ sudo useradd pippo
[sudo] password di utente loggato

Naturalmente, se sei autenticato al sistema come utente root non dovrai usare il comando sudo.

Il comando che abbiamo appena usato, ha creato un nuovo utente di nome pippo ed in automatico ha creato un gruppo pippo al quale ha assegnato l’utente.

Ora che abbiamo creato un utente pippo, impostiamo uno password. Per farlo usiamo il comando passwd.

$ sudo passwd pippo
[sudo] password di utente loggato
Inserire nuova password UNIX: 
Reinserire la nuova password UNIX: 
passwd: password aggiornata correttamente

Il comando passwd puoi usarlo in qualsiasi momento anche per modificare la password dell’utente, come abbiamo visto nella guida Cambiare la password di un utente Linux.

Esiste anche un altro comando simile ad useradd, ma un po’ più user friendly, che si chiama adduser. 

In realtà adduser non è altro che uno script perl che esegue in automatico i comandi useradd e passwd.

Vediamo come funziona, digitandolo sul terminale:

$ sudo adduser pippo
[sudo] password di utente loggato
Aggiunta dell'utente «pippo» ...
Aggiunta del nuovo gruppo «pippo» (1002) ...
Aggiunta del nuovo utente «pippo» (1002) con gruppo «pippo» ...
Creazione della directory home «/home/pippo» ...
Copia dei file da «/etc/skel» ...
Inserire nuova password UNIX: 
Reinserire la nuova password UNIX: 
passwd: password aggiornata correttamente
Modifica delle informazioni relative all'utente pippo
Inserire il nuovo valore o premere INVIO per quello predefinito
	Nome completo []: pippo
	Stanza n° []: 
	Numero telefonico di lavoro []: 
	Numero telefonico di casa []: 
	Altro []: 
Le informazioni sono corrette? [S/n] s

Nell’esempio che ti ho mostrato, ho indicato allo script adduser di creare un utente di nome pippo. Come puoi vedere il comando:

  1. ha creato un utente “pippo“;
  2. ha creato un gruppo “pippo“;
  3. dopo aver creato anche il gruppo, ha aggiunto al gruppo pippo l’utente pippo;
  4. ha chiesto di inserire una password per il nuovo utente appena creato;
  5. infine, ha chiesto ulteriori informazioni, da salvare, per creare un profilo completo.

Sia con useradd che con adduser puoi indicare il gruppo o i gruppi di cui fa parte il nuovo utente, scegliere la home directory, la shell è tanto altro.

Puoi vedere tutte le opzioni per entrambi i comandi digitando useradd -h o adduser -h.

Come modificare un utente su Linux

Se vuoi modificare un utente già esistente su Linux, come per esempio modificare la home directory o aggiungerlo ad un gruppo, devi usare il comando usermod.

Facciamo alcuni esempi.

Per aggiungere un utente ad un gruppo devi digitare:

$ sudo usermod -a -G nomedelgruppo username

L’opzione -G aggiunge all’utente il gruppo, ma ricordati di usare anche l’opzione -a altrimenti il comando cancellerà tutti i gruppi secondari di cui l’utente fa già parte.

Attraverso usermod puoi anche modificare la directory dell’utente o bloccarlo.

Per modificare la directory home devi scrivere il comando usando l’opzione -d:

$ sudo usermod -d /home/newpippo pippo

Se vuoi bloccare un utente devi usare l’opzione -L:

$ sudo usermod -L pippo

Mentre, per sbloccarlo l’opzione -U

$ sudo usermod -L pippo

Naturalmente, per conoscere tutte l’opzioni del comando usermod, ti basterà digitare usermod -h.

Come cancellare un utente su Linux

Per finire, vediamo ora come cancellare un utente su Linux.

Il comando da usare per cancellare un utente su Linux è userdel seguito dal nome dell’utente.

$ sudo userdel pippo

Poiché usando il comando senza opzioni, cancella solo l’utente senza cancellare anche la directory, devi usare l’opzione -r  se vuoi cancellare anche la sua directory home con tutto il suo contenuto.

$ sudo userdel -r pippo

Naturalmente, se l’utente dovesse essere loggato al sistema, il comando fallirebbe. Per forzare la cancellazione,  e quindi cancellarlo anche se è loggato, ti basterà aggiungere l’opzione -f.

Conclusioni

In questo articolo abbiamo visto come creare, modificare e cancellare un utente su un sistema operativo Linux.

Come abbiamo detto, la gestione di tutti i sistemi Unix-like avviene via terminale e, anche se su alcuni sistemi è possibile gestire gli utenti anche attraverso interfaccia grafica, usare la riga di comando è più efficace ed affidabile.

Spero di esserti stato utile anche questa volta. Sul nostro siti sono presenti molti tutorial su Linux. Per esempio può esserti utile sapere Come nascondere file o cartelle su Linux o se vuoi modificare i server DNS può aiutarti la guida Cambiare DNS su Ubuntu/Linux.

Ma stiamo preparando nuovi articoli e nuovi tutorial. Continua a seguirci per essere sempre aggiornato. Metti un mi piace sulla nostra pagina Faceook per essere informato su tutte le prossime novità.

Articoli correlati


Rocco Vincy

Analista/Programmatore, web developer e blogger, mi occupo di sicurezza informatica e delle comunicazioni. Co-fondatore del sito/blog "BlogAmico" Telegram: @RoccoVincy

Rocco Vincy ha 234 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Rocco Vincy