Come si fa una campagna su Facebook

Come ho già avuto modo di accennarti nell’articolo sul social media advertising, uno dei mezzi più usati in questo ambito è senza ombra di dubbio Facebook. Le potenzialità del Social sono notevoli, specie in termini di dettaglio dell’azione. Vediamo dunque passo passo di capire come si fa una campagna su Facebook, definendone gli obiettivi, il target, i contenuti della campagna e usando uno strumento dalla potenzialità notevole.

Fare pubblicità mirata su Facebook con il Business Manager

Il Business Manager è lo strumento che Facebook mette a disposizione dei social media manager (ma di tutti a dire il vero), in maniera completamente gratuita, che permette di non disperdere le risorse finendo nel calderone degli infiniti ed eterogenei contenuti che si possono trovare sui social, Facebook in particolare.

Che tu gestisca una o più pagine, anche per aziende diverse, il Business Manager sarà sempre uno. Ogni impresa da te gestita avrà un suo spazio e un suo account pubblicitario, un numero che servirà ad identificare l’azienda nella gestione del budget, della fatturazione e via dicendo.

Prima di vedere passo per passo come si fa una campagna su Facebook sfruttando il business manager, sappi che, esattamente come accade con il marketing tradizionale, anche qui, per creare una campagna efficace, devi stabilire:

  • Obiettivo da raggiungere;
  • Il target di riferimento;
  • Creare un contenuto apposito e accattivante.

Una volta stabiliti questi obiettivi, se saprai trasferirli nell’ambiente digital, non dovresti avere problemi. Nel caso cambiassero non preoccuparti: le campagne Facebook, come la maggior parte del social media marketing, possono essere riviste e corrette in corso d’opera. Per non parlare del fatto che Facebbok ti offre anche la possibilità di testare le campagne prima di lanciarle.

I passi da compiere per fare una campagna su Facebook.

Il primo step è quello di entrare dentro il tuo Business Manager e andare in gestione inserzioni.

A questo punto ti troverai su una pagina in cui (laddove ne avessi), troverai il riepilogo di tutte le campagne attive e non attive che hai prodotto.

Seleziona in alto a sinistra (se gestisci più di una pagina), l’account pubblicitario che ti interessa e clicca sul button verde con la scritta “crea”.

Si entra nel vivo: qui Facebook ti chiederà di scegliere il tuo obiettivo di marketing. In base a quello che hai pensato a monte, adesso dovrai trovare la giusta corrispondenza sul social. Potrai scegliere tra i seguenti obiettivi:

  • Notorietà: se volete aumentare il volume dei vostri follower in maniera massiccia;
  • Considerazione, suddiviso in:
    1. Traffico: per portare gli utenti sul sito;
    2. Interazione: per ottenere like e condivisioni ad un post;
    3. Installazione dell’App se volete che gli utenti scarichino sullo smartphone la vostra app;
    4. Visualizzazione del video: per mostrare la nostra pubblicità a tutti quegli utenti che guardano molto i video;
    5. Generazione di contatti: utile se volete reperire contatti e dati di una certa utenza;
    6. Messaggi: per avviare conversazioni su Messenger;
  • Conversione:
    1. Conversione e Vendita prodotti da catalogo: si tratta di collegare Facebook al tuo sito, dandoti la possibilità di monitorare, sempre attraverso l’intelligenza artificiale, i comportamenti dei visitatori. E’ l’obiettivo alla base del Funnel Marketing, che si ottiene attraverso i c.d. Pixel, di cui ti parlerò in un articolo apposito.
    2. Visita al punto vendita: se volete che le persone vengano nel vostro punto vendita, inserendo l’indirizzo, attraverso una call to action che generalmente è “indicazioni stradali”, verranno convogliate fisicamente da voi.

Una volta stabilito l’obiettivo e scelto l’indirizzo da dare all’intelligenza artificiale, andiamo avanti, dai un nome alla campagna che ti permetta di ricordare a cosa si riferisce e clicca su continua.

Come si fa una campagna su Facebook: selezionare il giusto pubblico

Stabilito dunque l’obiettivo, andiamo a definire il target. Dopo aver cliccato su continua devi dire a Facebook se vuoi convogliare il traffico sul sito web, sull’app o su messenger. Scegli ciò che ti interessa e inizia a definire il pubblico.

In questa fase hai a disposizione due sezioni: la prima serve a definirlo, la seconda per capire quanto è ampio.

Potrai definire, sempre in base a quanto stabilito a monte:

  • Il luogo in cui vuoi cercare il pubblico (anche usando Google Maps) o meglio la distanza Km che il tuo post deve coprire a partire da un punto specifico;
  • La fascia d’età;
  • Il genere;
  • La lingua;
  • Gli interessi (puoi includere persone o escluderle).

Mentre definisci tutto ciò, vedrai che la lancetta sulla parte destra del monitor si muoverà, dandoti una stima costante delle persone che puoi raggiungere. A questo punto puoi salvare il pubblico (nel caso ti dovesse servire in futuro) e andare avanti.

A questo punto scegli:

  • il posizionamento, cioè in quale sezione di Facebook o Instagram vuoi far vedere il post, o dove non vuoi farlo vedere;
  • il tipo di dispositivo in cui vuoi venga visualizzato il post;
  • il budget totale con un giorno di inizio e uno di fine (il budget sceglilo tu, Facebook ha come unico limite quello di farti spendere un euro al giorno). Un consiglio: inizia con un budget basso, una volta compreso da che parte andare puoi aumentarlo.
  • se ne hai necessità, la programmazione delle inserzioni o se vuoi pubblicarle in maniera continuativa.

Definisci il contenuto creativo

Definito obiettivo e pubblico, ti puoi spostare sui contenuti creativi. Qui potrai scegliere se usare un contenuto già esistente o uno nuovo. In quest’ultimo caso potrai scegliere se caricare:

  • una nuova foto;
  • un carosello;
  • un video;
  • un Slideshow;
  • una Raccolta.

Scegli quello più idonea alla tua pubblicità e ricorda di usare foto o video originali (avranno molto più seguito). Adesso tocca al testo: inserisci il tuo claim, l’indirizzo del tuo sito, la call to action e osserva il risultati finali a seconda che sia visualizzazione da cellulare, pc, tablet ecc… e correggi eventuali errori.

Sei pronto per andare in sponsorizzazione

Ricorda che a questo punto sul tuo pannello di gestione inserzioni potrai costantemente monitorare la tua campagna e modificarla qualora qualcosa non funzionasse.

Articoli correlati


Tania Giansante

Appassionata da sempre di lettura e scrittutra, nella vita mi occupo degli aspetti relativi alla comunicazione e all'ideazione di campagne pubblicitarie, con particolare predilezione per le campagne attraverso i canali Social. Gestisco vari profili Facebook e instagram e ne curo il copy e le eventuali sponsorizzazioni. Realizzo contenuti, anche indicizzati Seo, per alcuni blog aziendali, come copywriter. Svolgo attività di Ufficio Stampa, scrivendo comunicati pre e post evento, organizzo conferenze stampa e ne curo le rassegne. Creo presenze digitali per i brand che ne fanno richiesta.

    Tania Giansante ha 21 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Tania Giansante

    Tania Giansante